lunedì 29 dicembre 2014

No al bavaglio Turco. Siano liberati i giornalisti arrestati

La petizione, ospitata da change.org, chiede al governo turco di liberare  i giornalisti arrestati nel Paese (63 in tutto) e a quello italiano e all'UE di attivarsi perché la libertà di stampa venga prima degli interessi economici.
https://www.change.org/p/no-al-bavaglio-turco-siano-liberati-i-giornalisti-arrestati

martedì 16 dicembre 2014

Ecoreati nel codice penale

Esiste un disegno di legge, approvato 10 mesi fa dalla Camera dei deputati, che prevede l'inserimento nel codice penale di questi nuovi reati ambientali: inquinamento ambientale, disastro ambientale, trasporto e abbandono di materiale radioattivo, impedimento al controllo.
Legambiente ha sottoscritto una lettera che chiede al Presidente Grasso di procedere rapidamente anche al Senato: https://www.change.org/p/sen-pietro-grasso-in-nome-del-popolo-inquinato-subito-i-delitti-ambientali-nel-codice-penale.

lunedì 15 dicembre 2014

Salviamo Soheil, condannato a morte per un post su facebook

Un blogger iraniano, avendo pubblicato su facebook parole offensive per il profeta Maometto e per alcuni politici del suo Paese, è stato condannato a morte.
Ciò nonostante si fosse pubblicamente pentito (in questo caso la legge islamica prevede la commutazione della pena in 74 frustate).
Firmando qui (https://www.change.org/p/salviamosoheil-condannato-a-morte-per-un-post-su-facebook?) si chiede alle autorità politiche e giudiziarie iraniane la sospensione della pena ed il rispetto delle leggi internazionali sui diritti umani.

giovedì 11 dicembre 2014

Unione Europea: obiettivo zero emissioni!

Per una volta una buona notizia: sembra defilarsi all'orizzonte l'ipotesi di un accordo per ridurre a zero le emissioni di gas serra. La conferenza si chiude domani, 12 dicembre. 
Tramite avaaz (https://secure.avaaz.org/it/lima_summit_100_clean_eu/) è possibile mandare un messaggio al  Commissario UE di Energia e Clima, Miguel Arias Cañete perché non rinunci a tale ambizioso obiettivo. 

lunedì 8 dicembre 2014

Una banca può distruggere questa meraviglia?

Un imprenditore indiano ha chiesto finanziamenti per creare una rotta commerciale per navi da trasporto lungo la barriera corallina. Di varie banche inizialmente candidate, oggi ne rimane una sola che ancora non si è tirata indietro, nonostante la presa di posizione della stessa UNESCO. Avaaz raccoglie firme per chiedere alla State Bank of India di rinunciare.
 

venerdì 5 dicembre 2014

Stop all'invasione dell'olio di palma

L'olio di palma fa male alla salute ma, grazie al suo basso costo, viene largamente utilizzato nei prodotti industriali. Inoltre la sua produzione determina spesso "land grabbing" in Africa ed Asia (la sottrazione di terre agli abitanti) e favorisce estese monocolture a danno della biodiversità.
Per questo una nuova iniziativa chiede al Ministero delle Politiche Agricole e alla UE di sottoscrivere l'accordo FAO sulla gestione responsabile di terre, foreste, bacini idrici, ai supermercati di eliminarlo dai loro prodotti a marchio, all'industria alimentare di toglierlo dai prodotti "made in Italy".
 

lunedì 1 dicembre 2014

Nessuno tocchi l'indicazione dello stabilimento di produzione

Normative europee a breve renderanno non obbligatoria l'indicazione dello stabilimento di produzione dei prodotti alimentari, impedendo così la piena tracciabilità della filiera.
 
Da sapere: Conad ha aderito subito, poi sono arrivate Selex (Famila, A&O, Doc, Alì, C+C), Coop e Asdomar. Il resto della grande distribuzione per ora tace.

venerdì 28 novembre 2014

Docenti incazzati contro la "buona scuola" di Renzi

Change.org ospita una petizione, tra le tante, di docenti che chiedono una diversa modalità di attuazione delle riforme e si oppongono motivatamente alla proposta Renzi. La sintesi non rende purtroppo l'entità reale del cambiamento ipotizzato.
 

mercoledì 26 novembre 2014

Giorno del non consumo

Come ogni anno, dal 1992, si ripete l'iniziativa internazionale del "Buy Nothing Day". L'astensione dai consumi per un'intera giornata serve a riflettere sul nostro stile di vita e sull'impronta consumistica e utilitaristica della nostra società. Quest'anno è il 29 novembre 2014.

 

martedì 25 novembre 2014

Chi inquina paghi

A seguito delle prescrizione nel "processo Eternit", Legambiente invita a mandare email ai senatori delle Commissioni Ambiente e Giustizia perché approvino rapidamente il reato di delitto ambientale, già passato alla Camera.

venerdì 21 novembre 2014

Maltempo, stop opere inutile

Legambiente chiede al Governo che si rinunci a grandi e costosissime opere di dubbia utilità,  come il ponte sullo stretto, per recuperare subito 10 miliardi di euro da investire nella messa in sicurezza del nostro territorio. 

lunedì 17 novembre 2014

Liberiamo i delfini


La lav promuove una petizione perché un nuova legge impedisca l'importazione di delfini, cetacei e balene a scopo di intrattenimento/esposizione, la loro riproduzione in cattività con tecniche artificiali, la chiusura dei delfinari e la creazione di una riserva dove poter liberare quelli attualmente presenti nelle varie strutture. 

martedì 11 novembre 2014

Vogliamo la verità sulla morte di Stefano Cucchi, chi sa parli

Il fatto Quotidiano ha avviato una raccolta firme per il  propone una raccolta firme destinate al Comando Generale dei Carabinieri di Roma, al Ministero della Giustizia, all'ospedale Pertini di Roma, facendo eco all'invito di Grasso: chi sa parli. 

lunedì 22 settembre 2014

Puliamo il mondo

Anche quest'anno Legambiente organizza l'iniziativa di pulizia del territorio nei giorni 26, 27, 28 settembre. Per adesioni e informazioni: http://www.legambiente.it/contenuti/articoli/puliamo-il-mondo-2014

venerdì 19 settembre 2014

Basta ai bombardamenti in Sardegna

Altra iniziativa che usa la tecnica del socialbombing: aderendo verranno inoltrati messaggi a Renzi per chiedere che la Sardegna cessi di essere zona di esercitazioni militari preservando l'ambiente e garantendo l'incolumità delle persone. 

mercoledì 17 settembre 2014

Spalmaincentivi

Questa campagna è rivolta alla camera dei deputati, alla quale si chiede di rivedere la norma "spalma-incentivi" prevista dal DL Competitività. Prevede un taglio retroattivo delle risorse destinate al fotovoltaico con ciò che ne consegue. Siamo un po' in ritardo, ma l'adesione contribuisce a tenere alta l'attenzione sul tema.
Originale l'idea del "socialbombing": l'adesione avviene tramite fb, twitter, google+. 

lunedì 15 settembre 2014

La campagna più importante che abbiamo mai fatto

Avaaz.org lancia una petizione per chiedere al prossimo vertice ONU di intervenire per limitare il surriscaldamento della terra, con l'obiettivo di raggiungere il 100% di energia pulite entro il 2050.
In occasione del vertice, il 21 settembre, sono previste marce ed altre iniziative cui è possibile aderire. Dopo aver firmato sarete automaticamente rediretti alla pagina corrispondente. 

lunedì 1 settembre 2014

Chi lega la Lego?


Da tempo Greenpeace cerca di sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema delle trivellazioni nell'Artico, di cui Shell è la principale responsabile. Ora la compagnia petrolifera ha fatto un accordo con la Lego per mettere il suo logo su mattoncini e personaggi. Si tratta di una chiara strategia di marketing per "ripulire" la propria immagine. Firmando all'indirizzo  http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/code/2014/STA_SW2014/ si chiede a Lego di chiudere con Shell. 

martedì 8 luglio 2014

Daewoo: help end uzbek cotton slavery

La Daewoo, oltre che casa automobilistica, si occupa anche di tessili. Si serve di cotone prodotto in Uzbekistan dove le condizioni di lavoro hanno portato alla morte di 11 persone tra cui un bimbo di 6 anni.
Il sito Walk Free raccoglie firme per chiedere alla Daewoo di rinunciare alle forniture uzbeke fino a quando l'Organizzazione Internazionale del lavoro non abbia verificato condizioni adeguate e di render noto il suo disappunto per l'accaduto.

sabato 14 giugno 2014

Gifts for Tommaso

Segnalo questa urgentissima raccolta fondi nella quale sono incappata ritengo non per caso... 

lunedì 31 marzo 2014

Egitto: fermate questa esecuzione di massa

In Egitto sono state condannate a morte 528 persone, oppositori politici. In questi giorni verrà eseguita la sentenza. Firmando alla pagina http://www.avaaz.org/it/stop_mass_execution_loc/ si può chiedere al Gran Mufti Allam, autorità religiosa, di intervenire.

venerdì 28 marzo 2014

Fate presto. Vogliamo subito la nuova legge sul voto di scambio politico-mafioso

Siamo ancora a parlare del voto di scambio politico-mafioso, questa è la terza raccolta firme! Il provvedimento è fermo alla Camera, dopo l'approvazione al Senato, rallentato da una valanga di emendamenti. Libera e Gruppo Abele raccolgono firme per chiedere ai deputati di ritirare tutti gli emendamenti. 

mercoledì 26 marzo 2014

Fermiamo la folle spesa per gli F-35

Avaaz.org raccoglie firme per trasformare in realtà l'annuncio dei tagli all'acquisto degli F-35. Dopo aver firmato è possibile anche procedere ad inviare tweet personalizzati al Ministro della Difesa e al Presidente del Consiglio.
 

lunedì 24 marzo 2014

Disastro ambientale in Valpescara, vogliamo le bonifiche e l'indagine epidemiologica

Nel pescarese i terreni e la falda acquifera risultano fortemente inquinati con un importante aumento di tumori. La petizione chiede la bonifica delle aree più a rischio, un'indagine epidemiologica condotta dall'Istituto Superiore di Sanità ed un registro di tutti coloro che si sono ammalati in conseguenza all'esposizione. 

lunedì 10 marzo 2014

Subito online redditi e cv del governo Renzi

Libera e gruppo Abele, tramite change.org, con questa iniziativa chiedono al governo di dare immediatamente ai cittadini le informazioni sullo stato patrimoniale e le esperienze di Presidente del Consiglio, Ministri, Viceministri, Sottosegretari. 

mercoledì 5 marzo 2014

Senegal. Senza terra non c'è vita.


Il governo senegalese ha concesso all'azienda italiana "Tampieri Financial Group" l'utilizzo di 20mila ettari di terreno che verranno sottratte alla comunità locale. Sono le terre di 37 villaggi della riserva del Ndiaël che vivono di pastorizia e che non avranno così accesso all'acqua e alle infrastrutture sociali.  Actionaid, insieme ad altri note organizzazioni, chiede di sottoscrivere un appello all'amministratore delegato Giovanni Tampieri perché rinunci ad ogni progetto.

lunedì 3 marzo 2014

Eliminare l'olio di palma

Più siti ospitano petizioni analoghe.
Su Firmiamo.it si chiede di renderne noto l'utilizzo tramite etichettatura dei prodotti: http://firmiamo.it/palm-oil---olio-di-palma. Su Change.org invece si chiede a coop adriatica di rinunciarci anticipando un boicottaggio, tanto perché dannoso per la nostra salute quanto perché per far spazio a queste coltivazioni lvengono bruciate le foreste dove vivono gli Oranghi, condannandone pure alcune specie all'estinzione: http://www.change.org/it/petizioni/coop-eliminare-l-olio-di-palma-dai-loro-prodotti.

giovedì 27 febbraio 2014

Terre dei fuochi, terre di camorra

La bonifica delle terre di fuochi, secondo recente decreto legge, verrà appaltata andando in deroga rispetto al controllo della commissione antimafia, per ragioni di urgenza. 
All'indirizzo https://www.change.org/it/petizioni/parlamento-terre-dei-fuochi-terre-di-camorra si può firmare per chiedere che invece vi sia un attento controllo per evitare le infiltrazioni della camorra. 

venerdì 21 febbraio 2014

L'Apocalisse della rete?

Vi è la cocreta possibilità che USA ed Europa affidino il controllo della rete internet a multinazionali, di fatto impedendo la libera circolazione delle informazioni alla gente comune. A entrambi si chiede di usare la loro forza per garantire tutti: http://www.avaaz.org/it/internet_apocalypse_pa_eu/?slideshow

lunedì 17 febbraio 2014

The Sinai slave trade

Migliaia di eritrei sono trattenuti in condizioni di prigionia nel deserto del Sinai, in territorio egiziano, sottoposti a torture.
Alla pagina http://avaaz.org/en/end_the_torture_trade_loc/ è possibile sottoscrivere la richiesta al Presidente e al Ministro dell'Interno egiziani di intervenire perché i sopravvissuti abbiano protezione e assistenza.

venerdì 7 febbraio 2014

Fermiamo i voli della tortura!

Varie associazioni propongono iniziative di pressione perché le compagnie aree rifiutino di trasportare i grandi primati verso i laboratori di sperimentazione. Dopo la compagnia di bandiera filippina e quella cinese, ancora Air France-KLM non hanno preso posizione. 
Segnalo una sola pagina tra tante, che propone il boicottaggio dei voli e l'invio di email di protesta:

mercoledì 5 febbraio 2014

Grande progetto Italia per l'arte e lo sviluppo economico

All'indirizzo http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=Ital2014 si può sottoscrivere una richiesta di valorizzazione delle risorse artistiche del Paese rivolto a Presidente del Consiglio, Ministro dei Beni culturali, Parlamento, Commissione Cultura del Parlamento Europeo.
 

lunedì 3 febbraio 2014

Stop al traffico di Macachi!

Su avaaz.org è possibile firmare per chiedere di fermare il commercio di macachi, catturati con metodi violenti, da vivisezionare per sperimentazioni varie. In particolare si chiede al Governo delle Mauritius di intervenire. 
In Italia la petizione è sostenuta dalla LAV.

venerdì 31 gennaio 2014

No ai richiami vivi

La Lipu raccogliue firme per porre al Presidente del Consiglio e ai Presidenti di Camera e Senatola questione dell'utilizzo di uccelli di cattura quale richiamo di caccia, da considerarsi sotto vari aspetti una forma di maltrattamento; se ne chiede il divieto. 

mercoledì 29 gennaio 2014

Il petrolio mi sta stretto

Il wwf lancia l'allarme per le trivellazioni nel canale di Sicilia, luogo di grande passaggio non esente da rischi per l'ambiente e le persone (illuminanti articoli e video sul sito del wwf). La raccolta firme è destinata al Sindaco di Pantelleria perché si opponga e chieda di trasformare l'isola in zona di parco. 

lunedì 27 gennaio 2014

Stop alla strage di delfini

All'indirizzo http://firmiamo.it/stop-alla-strage-di-delfini-in-giappone l'associazione Sea Shepherd invita a sottoscrivere una lettera per il Primo Ministro giapponese, l'Ambasciatore e il Console giapponese in Italia, chiedendo di fermare la strage di cetacei e mammiferi in via d'estinzione in corso in questo Paese, uccisi peraltro brutalmente.

mercoledì 22 gennaio 2014

Cancellare subito la legge #bossifini

Sul sito di La Repubblica, http://temi.repubblica.it/repubblica-appelli/?action=vediappello&idappello=391312, si può sottoscrivere la richiesta di Rodotà sulla legge Bossifini: chiede che venga sostituita con norme più rispettose delle persone.

lunedì 20 gennaio 2014

Con gli OGM nessun prodotto italiano è al sicuro

Legambiente, alla pagina www.legambienteverona.it solleva il problema della contaminazione da ogm, sperimentati in Friuli e vietato dalla legge. L'iniziativa invita a mandare un tweet alla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e al Ministro per l’Agricoltura con il seguente testo:
NO agli #ogm in Italia. Sì all’agricoltura italiana di qualità. @serracchiani e @N_DeGirolamo ascoltateci! #ItaliaNOogm

venerdì 17 gennaio 2014

In etichetta l'origine degli alimenti

Adusbef e Federconsumatori lanciano una raccolta firme indirizzata al Presidente del Consiglio e al Ministro delle Politiche Agricole chiedendo che sia mantenuta l'etichettatura sull'origine degli alimenti non lavorati (già prevista dalla legge italiana) e l'origine della maggior parte dei componenti di quelli non lavorati. 

martedì 14 gennaio 2014

Salviamo la terra dei fuochi dai rifiuti tossici

Su Firmiamo.it è disponibile una petizione che illustra molto dettagliatamente le complicità indirette dello Stato e le responsabilità della camorra. Al Ministro dell'Ambiente e a quello della Salute si chiede di intervenire per bonificare le terre dei fuochi.

lunedì 13 gennaio 2014

COOP ITALIA: chiediamo un prezzo TRASPARENTE, realmente SOSTENIBILE per i produttori agricoli e per i braccianti

Dopo i fatti di Rosarno che hanno messo in luce come la grande distribuzione prosperi sullo sfruttamento dei braccianti e le difficoltà dei produttori, questa petizione chiede a coop di fornire prezzi trasparenti ovvero di rendere noto quanto vengono pagati i produttori, favorendo compensi equi e regolari assunzioni e stipendi. Petizione a cui tengo particolarmente...diffondete!

giovedì 9 gennaio 2014

Fermiamo la fabbrica Frenkenstein di Monsanto

La Monsanto si appresta a costruire in Argentina un grande edificio dove produrre la semente ogm, usando sostanze potenzialmente dannose per la comunità locale che non è neppure stata interpellata. Queste produzioni minacciano, come sempre, anche la biodiversità e la sicurezza alimentare. Su Avaaz.org è possibile sottoscrivere una richiesta al governo e al sindaco della città di Cordoba perché fermino il progetto.

martedì 7 gennaio 2014

Basta carbone e i suoi danni

Dopo quella di Savona, Enel/Tirreno Power intende aprire una nuova centrale a carbone nel delta del Po.
All'indirizzo https://www.change.org/it/petizioni/bastacarbone-e-i-suoi-danni-su-salute-e-ambiente?  si può sottoscrivere l'appello di Ilaria, una ragazza che ha subito pesantemente i danni ambientali della prima centrale, perché l'Amministratore Delegato di Enel fermi la costruzione della seconda con tutto ciò che ne conseguirebbe. 


giovedì 2 gennaio 2014

Sig. Ministro salvi il medico degli animali

L'Enpa promuove una raccolta firme in difesa di una dottoressa che in Kosovo ha aiutato una gatta partoriente ed è stata perciò accusata di disobbedienza aggravata e continuata. Si chiede al Ministro della Difesa italiano di intervenire.